Gli imperdibili - LIBROPLUS

 Libroplus 

 Portale di libri 

 e di Cultura 

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gli imperdibili




Il casellante Giovanni Tini è tra i vincitori del concorso da capostazione, dopo essersi finalmente iscritto al pnf. Un'adesione tardiva, provocata più dal desiderio di migliorare lo stipendio che di condividere ideali. Ma l'avanzamento ottenuto ha il sapore della beffa, come l'uomo comprende nell'istante in cui giunge alla stazione di Fornello, nel giugno 1935, insieme alla moglie incinta e a un cane d'incerta razza; perché attorno ai binari e all'edificio che sarà biglietteria e casa non c'è nulla. Mulattiere, montagne, torrenti, castagneti e rari edifici di arenaria sperduti in quella valle appenninica: questo è ciò che il destino ha in serbo per lui. Tre mesi più tardi, in quella stessa stazione, nasce Romeo, l'unico figlio di Giovanni e Lucia, e quel luogo che ai coniugi Tini pareva così sperduto e solitario si riempie di vita. Romeo cresce così, gli orari scanditi dai radi passaggi dei convogli, i ritmi immutabili delle stagioni, i giochi con il cane Pipito, l'antica lentezza di un paese che il mondo e le nuove leggi che lo governano sembrano aver dimenticato.
Una sera del dicembre 1943, però, tutto cambia, e la vita che Giovanni, Lucia e Romeo hanno conosciuto e amato viene spazzata via. Quando un convoglio diverso dagli altri cancella l'isolamento. Trasporta uomini, donne, bambini, ed è diretto in Germania. Per Giovanni è lo scontro con le scelte che ha fatto, forse con troppa leggerezza, le cui conseguenze non ha mai voluto guardare da vicino. Per Romeo è l'incontro con una realtà di cui non è in grado di concepire l'esistenza. Per entrambi, quell'unico treno tra i molti che hanno visto passare segnerà un punto di non ritorno.
Eroe di guerra. Patriota. Ubriacone. Imperialista. Politico. Depresso. Scrittore. Visionario. Aristocratico. Voltagabbana. Pittore. Nel maggio del 1940 queste erano solo alcune delle «credenziali» con cui Winston Spencer Churchill si presentava alla Camera dei Comuni per assumere l’incarico di primo ministro del Regno Unito. La nazione era in guerra da otto mesi e le cose non stavano andando affatto bene. Più che un nuovo capo del governo, il paese invocava un condottiero, e pochi, in quei giorni cupi, avrebbero scommesso sull’ormai sessantacinquenne primo lord dell’Ammiragliato. Bastarono invece quattro settimane perché i sudditi di Sua Maestà scoprissero in lui il grande leader, l’uomo capace di commuovere e spronare, il comandante in grado di salvare l’esercito britannico dalla catastrofe di Dunkerque e di decidere così le sorti del conflitto.
Sessantotto bozzetti, acquarelli, racconti brevi e brevissimi compongono la Piccola mappa della nostalgia.
Un ritorno ideale, e in punta di penna, a un’infanzia nella profonda provincia veneta degli anni Sessanta e Settanta.
Sembra ieri, invece è passato quasi mezzo secolo.
La Piccola mappa ha confini ideali, ma precisi e, come una vera map¬pa, è divisa in fogli.
Nel Foglio Uno ritroviamo, in ordine alfabetico, i protagoni¬sti più remoti e gli oggetti più lontani di una nostalgia molto personale, nella quale in tanti si riconosceranno: l’arrivo delle rondini e il bagnoschiuma Vidal, il colonnello Bernacca e il for¬maggino Mio, la parrucca della mamma e le rosse Rossana.
Il Foglio Due è dedicato agli anni di mezzo e ai suoi non dimenti¬cati simboli: i cartelloni del circo di Moira Orfei e il Sandokan te¬levisivo, l’ovetto Kinder e il quiz di Mike Bongiorno, la spuma del bar e la vanillina Paneangeli.
Il Foglio Tre racconta la fine di un’infanzia e di un’era.
Chi ha letto il primo roman¬zo di Aldo Dalla Vecchia, Rosa Malcontenta, ritroverà in questa Piccola mappa lo spirito di quel libro ambientato in anni ormai lontani, ma con una magia che va al di là dello spazio e del tempo.

Copyright Associazione Culturale Pegasus 2017









Torna ai contenuti | Torna al menu